Giada Giunti Mamma Coraggio

Lei è #giadagiunti, una madre , una donna.

Giada denuncia il suo ex marito, per violenza , l’uomo viene ritenuto dal tribunale , un narcisista con disturbi della persona. Lo stesso uomo ha dichiarato guerra a Giada, promettendogli di toglierle il bene più prezioso Jacopo. Il bambino viene affidato dai servizi sociali ad una casa famiglia e poi al violento.. Jacopo chiede disperatamente di tornare a casa da sua madre…

Giada sta affrontando la sua battaglia , ma non può essere lasciata sola, ringraziamo chi venerdì si è fermato con noi, e si è preso a cuore la battaglia… On. Benedetta Fiorini Cons.Ilaria Boggi, e On. Donatella Legnaioli….

Giada Giunti porteremo a casa Jacopo ❤️

“OTTENUTO UN PRIMO PICCOLO RISULTATO AFFINCHÉ SI POSSA GARANTIRE LA SICUREZZA NEI CONFRONTI DEI CITTADINI”

“OTTENUTO UN PRIMO PICCOLO RISULTATO AFFINCHÉ SI POSSA GARANTIRE LA SICUREZZA NEI CONFRONTI DEI CITTADINI”

Un primo risultato a tutela dei cittadini si è finalmente raggiunto, ribadisco, ben venga tutto il turismo possibile nei nostri territori, ma come ho avuto modo di ribadire in più di un un’occasione, va garantita la sicurezza!

Tratto stradale: dopo un anno di inosservanza dell’ordinanza in vigore (n.134 del nov. 2018) e dopo che migliaia di persone vi hanno transitato inconsapevoli di violare un provvedimento ufficiale con tutti i rischi che potevano conseguire, questa mattina sull’albo pretorio del comune di Subiaco è stata pubblicata la “modifica” della suddetta

ordinanza che di fatto limita il raggio d’azione di divieto, nel tratto interessato della frana e nella zona adiacente la caduta dei massi.

Ponte laghetto San Benedetto: Modifica anche qui dell’ordinanza, possono accedervi

n.60 persone e non più di n.2 alla volta.

Domenica ci sarà un afflusso pari a quello a cui abbiamo assistito domenica scorsa, mi auspico che sapremo farci trovare pronti garantendo sicurezza, viabilità e servizi!

Premio Peppino Impastato per Marina Paterna

Vince il Concorso Nazionale Letterario “Artisti” per Peppino Impastato Marina Paterna, autrice del libro IO SONO VIVO! HO SCONFITTO la mafia. Scritto in memoria del piccolo Giuseppe Di Matteo, figlio del collaboratore di Giustizia Santino Di Matteo.

Marina Paterna non ha mai smesso di seguire, credere e scrivere di casi difficili, di fatti di cronaca e storie vere. Un riconoscimento importante per la regista emergente.

Da oggi il libro è in vendita in tutte le boutique #igvgrandiviaggi.

Burnout di Marina Paterna ( pillole)

È un racconto scritto per tenere in allerta tutti, consapevoli e inconsapevoli vittime della sindrome. Non è un manuale ma un atto d’amore nei confronti di chi, non compreso, soffre la propria solitudine e la sua personale condizione di disagio profondo. Burnout è anche un insieme di dati numerici significativi.

Burnout di Marina Paterna ( pillole)

BURNOUT è il nome della mio nuovo romanzo in uscita. È la storia di una giornalista che, reclutata da uno psichiatra, entra nelle carceri per indagare sui casi di suicidio nel corpo di Polizia Penitenziaria. Istruita a dovere, la donna da complice consapevole diventa inconsapevolmente cavia di sperimentazione. Un sindacalista, a conoscenza dei fatti, scompare misteriosamente. Le è vietato ogni contatto con l’esterno e, rimasta sola, si rende conto della realtà celatale. Intrappolata, ormai, nel suo Burnout, la domanda è: “Riuscirà ad attraversarlo, restando indenne e potere aiutare così l’intero corpo di Polizia Penitenziaria? Ma soprattutto, come?” Un libro scritto per diventare un film.

Chi siamo noi per voler costruire personaggi positivi

Nella tarda serata di lunedì 10 dicembre, Fabrizio Corona è stato aggredito nel bosco della droga di Rogoredo, nella periferia di Milano, dove si trovava per fare un servizio giornalistico sullo spaccio. Secondo quanto ha raccontato lo stesso ex fotografo dei vip, il 44enne sarebbe stato assalito da un gruppo di pusher che lo hanno circondato.

Corona era lì per un servizio televisivo su tossicodipendenza e spaccio che sarebbe dovuto andare in onda domenica sera nella trasmissione di Non è l’Arena di Massimo Giletti, su La7.

“Io mi sono recato lì solo con un operatore e un fonico per raccontare il parallelismo della mia tossicodipendenza e quella che colpisce l’Italia e la povera gente che vede uno stato inerme e una polizia disinteressata. Tutto questo solo per raccontare in maniera oggettiva, come ho sempre fatto, la realtà. “

Oggi la droga non fa più paura ed ha ragione Corona quando dice che nei parchi ci sono gli immigrati e i poveri disperati, perché le nuove generazioni l’acquistano direttamente con un click e sono le nuove droghe quelle sintetiche che possono provocare danni celebrali.

Ma ai giovani tutto questo non gli interessa , hanno voglia di sballarsi , perché annoiati.

Ma di certo non siamo noi a dover a tutti a costi inventare dei personaggi positivi , è la società che in questo momento di positivo ha poco.

Basta pensare all’aggressione del carabiniere da 50 incappucciati che per non essere incriminato non si è difeso.

Siamo noi i primi responsabili di una società che va ricostruita. Di ( Francesca Proietti Cosimi)

Corinaldo tragedia alla Lanterna Azzurra

Corinaldo. Tragedia alla Lanterna Azzurra.

L’autrice Marina Paterna dichiara: “Dove stanno le parole per esprimere la rabbia? Ci sono solo numeri: 490 i ragazzi registrati dal contapersone, tra i 1.400 e i 2.000 i ragazzi effettivamente presenti. Quanti i biglietti realmente venduti? Ma oggi di quale sicurezza parliamo? È chiaro che nel locale moltissime sono le incongruenze e chi di competenza si assumerà tutte le responsabilità del caso. Almeno adesso. La verità è che la sicurezza dovrebbe iniziare già da dentro casa. Si chiama confronto, dialogo, condivisione e molte altre volte scontro generazionale. E allora ci si chiude perché è più comodo, perché non si ha tempo. Tanto mio figlio è con gli amici. Moltissimi gli altri i genitori che, invece, seguono i propri figli, li accompagnano ed aspettano fuori dalla discoteca. Ma a volte tutto questo non basta. Perché poi, all’improvviso, un ragazzo impazzisce e spruzza il peperoncino negli occhi ai suoi coetanei per rubare probabilmente collanine, cellulari e soldi. Sì, perché questi oggi sono gli oggetti da ostentare e non i valori. E poi giri canale e al Grande Fratello vince Walter Nudo. Impensabile, un uomo che si è distinto esclusivamente per il suo meditare, per la sua euducazione, per i suoi sani principi e, meditate gente, meditate: per i suoi valori. Paradosso vero? Forse è di questo che abbiamo veramente bisogno, di valori. Facciamo un passo indietro però. Io, genitore, chiedo mai a mio figlio che musica ascolta chiuso nella sua cameretta? Invito mai i suoi amici a casa per cercare di capire chi frequenta? Chiedo a mio figlio cosa lo affligge? Guardo insieme a lui i video dei suoi cantanti preferiti, per sapere cosa guarda ma soprattutto cosa ne pensa e, nel caso in cui fosse, chi emula? Emulare forse questa è la parola corretta che esprime il fallimento di una coscienza critica. Se emulo, non ho un’identità forte; se non ce l’ho, non ho punti di riferimento talmente più forti da permettermi di distaccarmi da chi è più forte di me e quindi nel quale mi identifico. Un cantante che ostenta opulenza con collane e denti d’oro, che parla di soldi non è un buon esempio da seguire ma attenzione! Sfera Ebbasta parla anche di come e di quanta fatica gli sia costato arrivare al successo e di come sia difficile gestirlo. E se ho una coscienza critica forte, non sono abbastanza forte io, da distaccarmi da modelli in cui per cultura e per educazione familiare non riesco ad identificarmi? TRAP credo che siamo seriamente inTRAPpolati in un vortice di accuse. Siamo come quel pugile che si affanna a colpire a destra e a manca ma, mentre lo fa, non si accorge che dovrebbe fermarsi, voltarsi e

guardarsi indietro, perché qualcuno lo blocca dalla vita. Chi accusa il gestore del locale, chi la scelta di Sfera Ebbasta di esibirsi in un luogo non adeguato alla capienza massima. Ma vogliamo renderci conto sì o no, che i ragazzi, se stanno bene in casa, è dentro casa che costruiscono la loro coscienza critica? E che, se si cerca di entrare nelle loro stanze, hanno bisogno di raccontarci quel che vivono anche mentre non riescono a farlo? E allora io mi auguro che la vera sicurezza, da questo momento in poi, abbia inizio dentro casa.”

L’autrice Marina Paterna chiede: “Fermiamoci ad ascoltare. Impariamo a leggere ogni cosa, anche i silenzi. Iniziamo dall’osservare, anche le più insignificanti cose ci parlano di noi.”

Strage di Paternò. “Tragedia per la nostra città.”

L’autrice Marina Paterna chiede: “Fermiamoci ad ascoltare. Impariamo a leggere ogni cosa, anche i silenzi. Iniziamo dall’osservare, anche le più insignificanti cose ci parlano di noi.”

Ho ascoltato il sindaco e credo nel suo dolore. Siciliano come me, dal cuore grande come tutti i siciliani. Deluso e amareggiato. Eppure, dopo ogni delitto efferato, sento e leggo: “Era una famiglia perbene, nessuno se lo sarebbe mai aspettato.” Eppure un uomo Gianfranco Fallica, stermina la sua famiglia, moglie e figli. Poi si uccide con un colpo di pistola. Dunque io mi chiedo: cosa succede all’interno delle quattro mura di casa? Che tipo di stress latente si manifesta, camuffato, fino al giorno in cui esplode e avviene la tragedia? Quali i segnali manifesti? Quali quelli occulti? Chi non ascolta cosa? Chi non vede chi? Quali i segnali davanti i quali restiamo inermi, o forse, in una società veloce come un click, distratti? L’unica cosa che posso dire a me, a tutti noi è: “Vi prego, impariamo ad osservare, impariamo a scovare i segnali di un malessere latente, prima che ci siano altre “Paternò”. Prima che sia troppo tardi per noi tutti ma soprattutto per i nostri figli.”

Santino Di Matteo si racconta

Nel libro HO SCONFITTO la mafia. IO SONO VIVO! L’autrice Marina Paterna immortala in un capitolo la sua confessione. 36 un numero, un’ossessione. 36 un capitolo. Sono gli stessi minuti in cui decide di scappare per raggiungere suo figlio Giuseppe. 36 sono anche i suoi anni, gli stessi in cui decide di cambiare la sua vita di mafioso e l’intera storia divenendo collaboratore di giustizia mettendo a repentaglio la sua sicurezza. Fu proprio il suo pentimento che aprì la strada al fenomeno del pentitismo. 36 sono le ore in cui scappa, eludendo i controlli della sorveglianza. Espulso dal programma di protezione per cercare il figlio, oggi chiede di poter rientrare a far parte del programma. E con una mano sulla coscienza urla:

“E tu che mi stai leggendo dentro. Tu che stai leggendo le pagine della mia memoria, prova adesso tu a dirmi da padre, da genitore, da madre, cosa avresti fatto per tuo figlio. Riscrivi qui la storia e aiutami a cambiare le generazioni intere. Io ho iniziato. Continua tu. Le pagine sono bianche.”

Blog su WordPress.com.

Su ↑